Presentazione numero 27 dell’annuario scientifico Studi verdiani

Presentazione dell’Annuario a cura dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, con articoli dedicati alle direzioni verdiane di Toscanini e al catalogo completo delle incisioni verdiane del Maestro.

Dettagli

  • Parma - Casa della Musica
  • Giovedì 18 gennaio 2018 ore 16.30
  • Sito web

Programma

Nel corso della sua lunghissima carriera Arturo Toscanini ha diretto, in un arco di tempo esteso 62 anni, almeno 540 volte le opere di Giuseppe Verdi, stabilendo un codice interpretativo imprescindibile. Al grande direttore e al suo rapporto creativo con Verdi sono dedicati i primi due saggi del nuovo numero di Studi verdiani. Con Nicola Sani e Alessandra Carlotta Pellegrini, Presidente e Direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Studi Verdiani, che illustreranno le principali attività realizzate dall’Istituto nel 2017 e i progetti per il 2018, saranno presenti Mauro Balestrazzi e Angelo Foletto, autori dei contributi dedicati a Toscanini, Luigi Ferrari, Sovrintendente della Fondazione Arturo Toscanini, e Sandro Cappelletto, direttore di Studi verdiani.
Mauro Balestrazzi offre ai lettori – per la prima volta in maniera così lineare, progressiva e ampia – la cronologia verdiana di un direttore d’orchestra che 150 anni dopo la nascita continua a suscitare appassionate attenzioni. Angelo Foletto rammenta che è stato lui a «”insegnare” Verdi come nessuno. Al di là dell’ammirazione tecnico-professionale, lo ricordano le parole stupefatte di giovanotti di allora come Georg Solti o Herbert von Karajan che (prima di Toscanini) al repertorio italiano guardavano con diffidenza. Toscanini l’ha insegnato con l’autorevolezza di chi Verdi l’aveva proprio visto, sentito e conosciuto».